BUDA+PEST: cosa fare e vedere in 2 giorni

“Budapest è la più bella città del Danubio, [..]. Budapest da la sensazione fisica della capitale, con una signorilità e un’imponenza da città protagonista della storia”.

(da Danubio, Claudio Magris)

copertina

Budapest? Che sorpresa!!

Economica, vicina, elegante e soprattutto giovane. La capitale dell’est-europa per eccellenza, famosa per i suoi bagni termali e il Danubio che separa Pest da Buda. Definita anche come la Parigi dell’est per i suoi palazzi-gioeillo e per i numerosi grandi viali alberati, Budapest oggi non è una meta molto gettonata dal turista medio nonostante le numerose attrazioni che ha da offrire.

Divisa fisicamente in 2 dal fiume, abbiamo organizzato la visita dedicandoci un giorno alla città storica di Buda e un giorno alla più vivace Pest.

1°GIORNO

  • Ponte della Libertà: uno tra i più famosi e bei ponti della capitale. Caratterizzato dal suo color verde-rame, è completamente realizzato in ferro sul modello del ponte sospeso e i suoi 4 piloni sono sormontati dalle statue di Turul, l’uccello leggendario della mitologia ungherese.viaggio (5)viaggio (10)
  • Hotel e Bagni Gellért: ad una delle estremità del ponte della Libertà si trova questo lussuoso hotel che ospita anche i famosi bagni termali Gellért. Le terme in stile art nouveau sono separate per uomini e donne e comprendono otto piscine di temperature diverse. viaggio (9).JPG
  • Cittadella e Monumento alla Libertà: dopo una lunga e faticosa salita tra i sentieri della collina Gellert, che offre dei panorami unici sull’intera città, si arriva al Monumento della Libertà. Una colonna alta 14 metri celebra la liberazione di Budapest dopo la seconda guerra mondiale. La Cittadella invece è una fortezza eretta dagli Asburgo per sorvegliare meglio gli ungheresi. (La visita dall’esterno è più che sufficiente). Essendo sulla cima di una delle colline più alte della città, da qui si gode di una fantastica vista della capitale.viaggio (14)viaggio (15)viaggio (16)viaggio (18)
  • Palazzo Reale: la collina su cui si erge è stata dichiarata dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità. Ex sede del governo dell’imperatore, oggi il maestoso palazzo ospita la Galleria Nazionale Ungherese e la Biblioteca Nazionale.viaggio (2)viaggio (36)viaggio (37)viaggio (40)viaggio (74)
  • Chiesa di Mattia Corvino: è qui che fu incoronata la famosa principessa Sissi sovrana d’Ungheria. In stile neogotico, la cattedrale è unica nel suo stile per lavorazione del tetto con i colori della bandiera ungherese. La principessa Sissi poi era solita andare nella pasticceria Ruszwurm, poco distante dalla chiesa, che offre numerosissime varietà di dolci per tutti i gusti. Tappa obbligatoria per i golosi! viaggio (43)viaggio (50)viaggio (61)
  • Bastione dei Pescatori: questo tratto di mura della città deve il suo nome alla corporazione dei pescatori che era stata incaricata di difenderlo durante il Medioevo. Dalle numerose torrette e terrazze si può ammirare l’Isola Margherita sul Danubio e il possente palazzo del Parlamento sulla riva opposta del fiume. Il tramonto da qui è unico, quindi il consiglio è di arrivare nel quartiere medievale nel tardo pomeriggio ed attendere che si accendano le luci della città che la mostrano nel suo lato migliore.viaggio (45)viaggio (46)viaggio (48)viaggio (49)viaggio (52)viaggio (53)
  • Ponte delle Catene: questo è sicuramente il ponte più bello e famoso della città. Nel 1849 è stato il primo collegamento ad unire Buda con Pest. viaggio (32)viaggio (65)

2°GIORNO

  • Nagycsarnok: il più grande e antico mercato coperto della città, offre una grande varietà di prodotti locali con bancarelle disposte su tre piani. Al secondo piano si trovano soprattutto negozi di souvenir e ristoranti molto economici. BUDAPEST (83)BUDAPEST (86)BUDAPEST (90)BUDAPEST (96)
  • Palazzo del Parlamento: è il terzo parlamento più grande al mondo dopo quello di Buenos Aires e di Bucarest ed è sicuramente il più maestoso palazzo d’Ungheria. Ogni giorno vengono organizzate visite guidate anche in italiano ed è possibile prenotarle anche online così da evitare la fila alla biglietteria. Salendo la scala d’oro si arriva alla sala della cupola dove è custodita la corona di Santo Stefano, il tesoro più importante del Paese. viaggio (87)viaggio (85)viaggio (84)viaggio (81)viaggio (79)viaggio (63)viaggio (59)viaggio (58)
  • Monumento delle scarpe: poco distante dal Parlamento proprio sulla riva del Danubio, vennero fucilati e buttati nel fiume migliaia di ungheresi. Oggi per ricordare le vittime sono state realizzate 60 paia di scarpe di metallo gettate alla rinfusa sulla banchina.viaggio (89)viaggio (90)viaggio (92)
  • Basilica di Santo Stefano: questa chiesa è la più importante d’Ungheria anche per la reliquia che custodisce al suo interno: la mano destra di Santo Stefano. Pagando un biglietto si può salire fino alla cupola con le scale o con ascensore e a 96m di altezza la vista sull’intera città è incredibile.viaggio (93)viaggio (95)viaggio (97)viaggio (68)
  • Piazza degli Eroi: alla fine dell’elegantissimo viale Andrassy, dichiarato patrimonio dell’umanità, la piazza commemora i personaggi che hanno fatto la storia d’Ungheria. Al centro della piazza si erge il monumento del millenario e la tomba del milite ignoto.viaggio (108)
  • Parco Varosliget: questo parco municipale è molto frequentato dai cittadini in cerca di un pò di relax. Nelle acque del lago si specchia il fiabesco castello di Vajdahunyad, originariamente costruito in legno per l’Esposizione del Millennio ma poi realizzato in pietra per volere dei cittadini. D’inverno il lago diventa una grande pista di pattinaggio su ghiaccio.viaggio (109)viaggio (111)viaggio (115)
  • Bagni Szechenyi: questo è il complesso termale più grande d’Europa. Dotato di diverse piscine a diverse temperature, sia interne che esterne è perfetto come ultima tappa della visita alla città. Il consiglio è quello di un biglietto per un ingresso pomeridiano con l’affitto di una cabina personale privata. Quindi nel vostro bagaglio non potranno mancare costume, accappatoio e ciabatte. Buon Relax! Ah..rimanete almeno fino alle 20 nelle piscine esterne (tranquilli l’acqua è calda) quando si accendono le luci e il vapore crea un’atmosfera surreale.viaggio (116)NOVATEK CAMERA

 

INFO UTILI

  • Il fiorino ungherese è la valuta corrente in Ungheria. Molti negozi accettano anche l’euro ma con una maggiorazione sul prezzo, quindi cambiate un pò di soldi in Italia (noi abbiamo cambiato solo 50€ alla ForexChange che al momento aveva il tasso di cambio più basso) oppure informatevi bene se il vostro bancomat vi permette di prelevare o acquistare all’estero senza una commissione molto alta. Evitate le agenzie di cambio all’aeroporto.
  • Per raggiungere il centro città dall’aeroporto è possibile prendere il bus 200E direzione Kőbánya-Kispest e da li prendere la metro M3 blu. Il costo del biglietto cumulativo bus-metro acquistabile all’aeroporto è circa 2,70€. Oppure è presente anche il servizio taxi e il noleggio di bus shuttle.
  • Passate una bella serata in uno dei numerosi “bar in rovina” della città. Sono locali che occupano cortili ed edifici abbandonati ed offrono ogni sera concerti, spettacoli, dj set. L’ingresso è gratuito e all’interno vi sono anche bar e chioschi dove mangiare. Il più famoso e storico è il Szimpla Kert, nel quartiere ebraico.

Trovate queste e molte altre foto di Budapest nel nostro articolo su Giruland.

Annunci

9 pensieri su “BUDA+PEST: cosa fare e vedere in 2 giorni

  1. Che bello, anche io ho visitato tutte queste cose quando sono stata a Budapest due anni e mezzo fa! Ho aggiunto anche una visita al cimitero monumentale di Kerepesi perché io sono un’amante del genere ahahah 🙂

    Mi piace

  2. Per 5 minuti mi hai fatto vivere di ricordi, i bei ricordi dei giorni trascorsi in questa magnifica città. Se ti va puoi passare da me a dare un’occhiata alle mie foto, non sono tante come le tue ma penso che inquadrino la città sotto un occhio diverso. ciaoooo
    https://unavitanonbastablog.wordpress.com/2015/11/22/budapest-in-16-scatti/

    Mi piace

  3. Una città che mi è rimasta nel cuore. Per non parlare dell’esperienza alle terme: FANTASTICA. Anche il Memento park, con le statue risalenti al periodo del comunismo, vale davvero una visita 🙂

    Mi piace

  4. Ma che bell’itinerario!
    Budapest è sicuramente una delle mete che vorremmo visitare quindi terremo stretto il tuo post con tutti questi bei consigli!
    A presto
    Erica

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...